Tim Cook, uomo dell’anno per Financial Times

Financial Times incorona Tim Cook come “uomo dell'anno” sia per la sua guida di Apple che per il coraggio nel rendere pubblici i suoi valori

Tim Cook, CEO di Apple

Tim Cook, amministratore delegato di Apple, è l'uomo dell'anno per il Financial Times. Notano i colleghi di Melablog:

Il riconoscimento da parte del Financial Times per Tim Cook arriva in base alla sua gestione aziendale, ma anche alla decisione di pubblicare l'ormai famosa lettera con cui ha reso pubblica la sua omosessualità.

Ricordiamo che Tim Cook ha fatto coming out recentemente, con una bella lettera. Del resto, Financial Times parla chiaro: il riconoscimento è così motivato

Il successo finanziario e nuove meraviglie tecnologiche non sarebbero state abbastanza per il capo di Apple per guadagnare il voto di FT come Persona dell'Anno 2014, ma la coraggiosa esposizione da parte di Mr Cook dei suoi valori lo hanno fatto distinguere ulteriormente.

Curioso che per l’ANSA questo discorso dei valori di Tim Cook viri solo nel contesto professionale. Commenta infatti la principale agenzia giornalistica italiana: “Cook quest'anno è uscito fuori dall'ombra del suo predecessore e ha impresso ad Apple i suoi valori e le sue priorità”.

Tim Cook è nato a Robertsdale (comune degli Stati Uniti d'America situato nella contea di Baldwin dello stato dell'Alabama, con poco più di cinquemila abitanti) il 1º novembre del 1960. Si è laureato in ingegneria industriale nel 1982 presso l’Università di Auburn e sei anni dopo è entrato a far parte di Apple, di cui è amministratore delegato (in lingua inglese CEO - Chief Executive Officer) nel 2011, a seguito delle dimissioni di Steve Jobs.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO