Il Sinodo dei vescovi 2015 affronterà ancora il tema dell'omosessualità

Il Vaticano ha inviato ai cattolici di tutto 46 domande per il Sinodo 2015: una riguarda l'omosessualità

Gay cristiani

La Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi ha pubblicato oggi i Lineamenta per la XIV Assemblea Generale Ordinaria che si svolgerà dal 4 al 25 ottobre 2015 sul tema: La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo. In pratica è il prosieguo del Sinodo sulla famiglia che si svolto recentemente in Vaticano.

Ai Lineamenta (cioè le linee guida emerse dal recente Sinodo) sono state aggiunte “una serie di domande, che aiuteranno a continuare il cammino sinodale già iniziato e a preparare il successivo Instrumentum laboris della prossima Assemblea Ordinaria”. Come già avvenuto in precedenza si pongono una serie di domande ai fedeli di tutto il mondo per poi costituire un canovaccio per la discussione dei patri sinodali.

Tra le domande per la recezione e l’approfondimento della Relatio Synodi ce n’è anche una che riguarda le persone omosessuali. È nella terza parte che ha per oggetto Il confronto: prospettive personali. Ci si interroga sull’attenzione pastorale verso le persone con tendenza omosessuale (la chiesa cattolica parla sempre di tendenze: non esistono gay e lesbiche, ma persone che hanno tendenze omosessuali). La domanda è introdotta dal seguente cappello:

La cura pastorale delle persone con tendenza omosessuale pone oggi nuove sfide, dovute anche alla maniera in cui vengono socialmente proposti i loro diritti.

Ecco quindi l'articolata domanda – è la numero 40 – a cui dovranno rispondere i fedeli di tutto il mondo, secondo le modalità stabilite dai vescovi:

Come la comunità cristiana rivolge la sua attenzione pastorale alle famiglie che hanno al loro interno persone con tendenza omosessuale? Evitando ogni ingiusta discriminazione, in che modo prendersi cura delle persone in tali situazioni alla luce del Vangelo? Come proporre loro le esigenze della volontà di Dio sulla loro situazione?

Come ha recentemente sottolineato papa Francesco, l’attenzione è sempre rivolta alle famiglie e, nello specifico, alle famiglie con figli omosessuali. Da nessuna parte si parla di matrimonio gay o di altri diritti: ci si chiede solo come fare per aiutare pastoralmente le famiglie cattoliche con figli omosessuali.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: