Cristiano che “curava” i gay, ha sposato un uomo

Ci si incaponisce, a volte, a voler negare la propria vera identità e si passano anni a combatterla. Ma l'amore alla fine vince sempre

Cuore arcobaleno rainbow

In molti sostengono (senza alcuna evidenza scientifica) che quando si osteggia molto una cosa, una situazione, una persona è perché, in fin dei conti, la si desidera e applicano questa “legge” alle persone omofobe che, non tollerando quello che sono veramente e quanto provano nei confronti delle persone del loro stesso sesso, attaccano senza sosta le persone omosessuali.

Il caso di John Smid, dal Tennessee, USA, sembra proprio dar manforte a questo punto di vista: per vent’anni, infatti, Smid si è dedicato, con il suo gruppo, a “sradicare” l’omosessualità, da lui vista come “un’arma di Satana per distruggere le persone” che poteva essere sconfitta solo con il “potere di Dio”. Ma si vede che il diavolo fa le pentole e non i coperchi (permettetemi di citare il proverbio, visto che Smid è stato il primo a parlare di Satana) e alla fine John ha conosciuto Larry McQueen, se ne è innamorato e insieme hanno iniziato una vita a due, fino ad arrivare a sposarsi.

Dopo anni e anni alla guida del suo gruppo Love in Action con il quale proponeva cure per l’omosessualità, John si è reso conto che, nella realtà, non era mai riuscito a curare nessuna delle persone che si erano rivolte a lui: del resto non c’è nulla da curare nell’omosessualità, visto che non è una malattia. E così ha deciso di abbandonare tutto, perché, come ha detto lui stesso:

Alla mia età non mi rimane molto da vivere e non posso certo continuare a mentire a me stesso per il resto della mia vita.

Auguriamo a John di aver trovato la serenità che ha sempre cercato e anche di essere felice insieme a suo marito Larry.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: