Madrid: Besada Santa dinanzi alla cattedrale per protestare contro l'omofobia

<a href='http://video.mx.msn.com/?mkt=es-mx&vid=f62ef890-4ddf-4197-b5f2-208432d52208&from=sharepermalink&src=v5:embed::' target='_new' title='&quot;Besada Santa&quot; contra la &quot;homofobia&quot; en España' >Video: &quot;Besada Santa&quot; contra la &quot;homofobia&quot; en España</a>

Non si placano le proteste in Spagna per le avventate affermazioni che il vescovo di Alcalá de Henares, Juan Antonio Reig Plá, ha pronunciato durante le celebrazioni del venerdì santo. Come ricorderete il vescovo ha detto che gli omosessuali si prostituiscano per valutare se gli piacciano o meno le persone dello stesso stesso e che, in tutto questo, trovano l'inferno. La polemica è scoppiata perché il vescovo ha detto queste cose sulla televisione pubblica (televisione che, nonostante le diverse sollecitazioni ricevute, al momento attuale tace).

Le reazioni sono giunte non solo dall'interno della comunità lgbt spagnola e internazionale e dal mondo politico, ma anche dall'interno della chiesa stessa. L'arcivescovo di Barcellona, il cardinal Lluís Martínez Sistach, ha preso le distanze dalle affermazioni del suo confratello e ha chiesto rispetto per gli omosessuali:

Sono persone come le altre e meritano tutta la dignità possibile.

Intanto ieri sera, dinanzi alle porte della cattedrale di Madrid, si sono riunite diverse persone – etero e gay – e hanno dato vita a una Besada Santa per protestare contro l'omofobia di Juan Antonio Reig Plá e della chiesa cattolica in genere.

Vota l'articolo:
3.95 su 5.00 basato su 44 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO