Nadia Boulanger, un mito della musica del Novecento

Il suo ruolo d'insegnante fu forse il più importante di tutto il Novecento, ma il talento musicale di Nadia Boulanger non conosceva in realtà confini. A lei il primato di essere stata anche la prima donna a dirigere (con successo) un'orchestra.

In un mondo dominato dagli uomini, il successo di Nadia Boulanger fu ancora più assoluto e sorprendente. Convinta di avere un talento piuttosto mediocre per la composizione, nonostante una sua opera La sirena avesse già ottenuto un importante riconoscimento al Prix de Rome del 1908, la Boulanger si buttò anima e corpo nell'insegnamento.

Una scelta vincente, visto che presso di lei studiarono poi i più grandi compositori del Novecento, da Aaron Copland a Leonard Bernstein, da David Diamond a Gian Carlo Menotti. Tuttavia il talento infinito di questa parigina, figlia di un pianista francese e di una principessa russa, non poteva certo accontentarsi solo di quello.

Nadia Boulanger

La Boulanger divenne infatti anche un direttore d'orchestra di successo, dirigendo nei teatri più blasonati del mondo, imponendosi, dato non trascurabile, come la prima donna della storia ad assumere un ruolo che fino ad allora era stato esclusivo appannaggio degli uomini. A lei toccò infine anche l'onore di scegliere ed organizzare le musiche per uno dei matrimoni più celebri del secolo scorso, quello tra sua altezza serenissima il principe Ranieri di Monaco e l'attrice Grace Kelly.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail