Omosessualità e noir: Furia nel deserto

Furia del deserto

Qualche giorno fa abbiamo avuto il piacere d parlare della biondissima e glaciale Lizabeth Scott, celebre dark lady del grande schermo negli ormai lontani anni ‘40. Spulciando qui e la nella sua biografia, mi sono imbattuto in “Furia nel deserto”, una pellicola del 1947, girata interamente a colori, dove vi è una forte e piuttosto chiara componente omosessuale. La storia ambientata in una cittadina del Nevada vede fiorire uno strano e pericolosissimo triangolo amoroso; triangolo che, inevitabilmente, conduce, almeno in parte, alla tragedia.

L’amore di Paula per il malavitoso Eddie suscita infatti la gelosia di Johnny, lo scagnozzo, che si adopera in tutti modi pur di rompere la relazione tra i due. Come scrisse d’altronde un illustre critico cinematografico, il film si comprende appieno solo se la relazione tra i due uomini, Eddie e Johnny viene accettata ed identificata per quello che è. Senza quella componente omosessuale, Furia del deserto, al pari di un soufflé malriuscito, si affloscerebbe.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: