Milano: Tribunale riconosce a dipendente banca la copertura sanitaria anche per il compagno

coppia gay con copertura sanitaria a Milano

Il Tribunale di Milano ha scritto un nuovo passo avanti verso i diritti gay e le pari opportunità tra coppie eterosessuali ed omosessuali. Il caso è questo: una banca voleva negare la copertura sanitaria al convivente del suo impiegato, nonostante i due fossero addirittura iscritti nel medesimo stato di famiglia. Ma, nonostante questo, non c'era intenzione di permettere quel preciso diritto.

E così, la coppia, formata da Marco e Erminio, decide di citare in giudizio la cassa mutua della banca. Risultato? Vincono in primo grado. Ecco il commento di Ivan Scalfarotto del Pd:

"Le aule dei palazzi di giustizia sono sempre più spesso le sedi in cui le coppie gay possono ottenere dignità e parità di diritti. È il segnale che i tempi sono maturi anche in Italia per l’uguaglianza davanti alla legge di tutti i cittadini, gay e etero. Chi lamenta l’invasività del potere giudiziario dovrebbe piuttosto interrogarsi sull’incapacità della politica di dare risposte serie ai problemi dei cittadini. La cassa sanitaria aziendale è un benefit collegato alla prestazione lavorativa e quindi è parte integrante della retribuzione: bene ha fatto la Corte di Appello di Milano a smantellare l’assurdo principio, portato goffamente avanti dalla Banca, che le persone eterosessuali debbano essere retribuite più di quelle omosessuali".

Via | Vanity Fair

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: