Il cardinal Carlo Maria Martini e le coppie gay

Il cardinal Carlo Maria Martini e le coppie gay

Parla come uomo di chiesa e come persona ultraottantenne il cardinal Carlo Maria Martini a proposito delle coppie gay. Eppure ne parla con quella serenità e quell'apertura che sempre l'hanno caratterizzato e non si preoccupa di dire cose scomode, come, per esempio, prendersela con chi nella chiesa cattolica vede le unioni civili come il peggior male possibile. Per avere un assaggio del punto di vista del porporato L'Espresso in edicola riporta alcuni stralci del libro Credere e conoscere, in uscita per Einaudi. Si tratta di un dialogo tra il cardinal Martini e il senatore Ignazio Marino, dialogo che era iniziato nel 2006 proprio sulle pagine dell'Espresso.

Dicevamo che parla come uomo di chiesa e altrimenti non potrebbe essere. Dice Martini:

Personalmente ritengo che Dio ci ha creato uomo e donna e che perciò la dottrina morale tradizionale conserva delle buone ragioni su questo punto. Naturalmente sono pronto ad ammettere che in alcuni casi la buona fede, le esperienze vissute, le abitudini contratte, l'inconscio e probabilmente anche una certa inclinazione nativa possono spingere a scegliere per sé un tipo di vita con un partner dello stesso sesso. Nel mondo attuale tale comportamento non può venire perciò né demonizzato né ostracizzato. Sono pronto anche ad ammettere il valore di un'amicizia duratura fedele tra due persone dello stesso sesso [...] Se viene intesa anche come donazione sessuale, non può allora, mi sembra, venire eretta a modello di vita come può esserlo una famiglia riuscita.

Credere e conoscere. Ignazio Marino e Carlo Maria MartiniMa parla anche con una certa apertura. Continua il cardinale, stimolato da Ignazio Marino:

Io ritengo che la famiglia vada difesa perché è veramente quella che sostiene la società in maniera stabile e permanente e per il ruolo che esercita nell'educazione dei figli. Però non è male, in luogo di rapporti omosessuali occasionali, che due persone abbiano una certa stabilità e quindi in questo senso lo Stato potrebbe anche favorirli. Non condivido le posizioni di chi, nella Chiesa, se la prende con le unioni civili. Io sostengo il matrimonio tradizionale con tutti i suoi valori e sono convinto che non vada messo in discussione. Se poi alcune persone, di sesso diverso oppure anche dello stesso sesso, ambiscono a firmare un patto per dare una certa stabilità alla loro coppia, perché vogliano assolutamente che non sia?

Non possiamo certo parlare di svolta epocale, ma di una apertura sì. Del resto il cardinale, con il suo modo di ragionare sempre lucido e chiaro, non teme di dire chiaramente come la pensa:

Io penso che la coppia omosessuale, in quanto tale, non potrà mai essere equiparata in tutto al matrimonio e d'altra parte non credo che la coppia eterosessuale e il matrimonio debbano essere difesi o puntellati con mezzi straordinari perché si basano su valori talmente forti che non mi pare si renda necessario un intervento a tutela. Anche per questo, se lo Stato concede qualche beneficio agli omosessuali, non me la prenderei troppo. La Chiesa cattolica, dal canto suo, promuove le unioni che sono favorevoli al proseguimento della specie umana e alla sua stabilità, e tuttavia non è giusto esprimere alcuna discriminazione per altri tipi di unioni.

Secondo Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, le parole di Martini sono importanti. Dice Mancuso:

Sono le prime pronunciate a sostegno dei diritti delle coppie gay da parte di una figura così importante per tutta la chiesa cattolica mondiale. È innegabile che le ripetute chiusure da parte della gerarchia vaticana rappresentano solo alcune delle posizioni in campo, così come dimostrano tutte le ricerche svolte all’interno dell’articolato mondo cattolico, dove soprattutto tra il popolo di Dio, prevalgono posizioni di accoglienza e di ascolto.

Parole di apertura lo sono senza dubbio. Ma credo che debba restare chiaro il fatto che non c'è bisogno della benedizione della chiesa per avere i nostri diritti.

Fonte foto | TMNews

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 71 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: