Capodanno rainbow a Berlino

Berlino è una delle mete più gettonate del turismo LGBT internazionale: che ne dite di farci un pensierino per le feste di fine anno?

Si sa, chi tardi arriva male alloggia. E allora noi ci muoviamo per tempo, in modo da arrivare tra i primi, e organizzare le vacanze di Natale e Capodanno 2015. Dopo avervi proposto le cinque mete gay friendly più gettonate di questo 2014, guardiamo a una città in particolare, da sempre vista con attenzione dalla comunità LGBT di tutto il mondo. Parliamo di Berlino, città secolare che si è vista obbligata a rinascere dopo la caduta del celebre muro (caduta di cui proprio in questi giorni, il 9 novembre, si celebra il venticinquennale). La fine della Guerra fredda ha significato una nuova tappa per Berlino, in cui la costruzione e la modernizzazione di tutta la città si è svolta a ritmi vertiginosi.

Berlino, città giovane se comparata ad altre capitali europee, è abituata al cambiamento: ha smesso di essere il luogo di rifugio di bohémien e sognatori per diventare una città moderna, piena di strade larghe in cui l’antico e il moderno si incontrano.

Berlino

Il leggendario clima di libertà che si respira di Berlino ha dato vita a una delle più grandi scene LGBT di tutto il mondo (in apertura di post il video si riferisce al Pride di quest'anno). Il sindaco Klaus Wowereit ha detto: “Sono gay, e questo è qualcosa di buono”.

Come in ogni città moderna con più cuori pulsanti, c’è un quartiere gay, oltre a un gran numero di zone gay friendly. E se tantissime lesbiche, gay, bisessuali e transessuali invadono Brlino al principio di giugno per la Schwul-Lesbisches Strassenfest, anche nel resto dell’anno – soprattutto durante le feste – è una delle mete preferite del turismo LGBT internazionale.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 34 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO