Moncalieri: per una docente essere gay è un problema psicologico. Ma si può guarire

Insegnante di religione nella bufera per una dichiarazione assurda

A Moncalieri, in provincia di Torino, un'insegnante di religione è finita tra le critiche e le polemiche per aver dichiarato -secondo quanto raccontato- che l'omosessualità altro non è che un problema psicologico dal quale si potrebbe comunque guarire. Tesi inesistenti, assurde che sono stato raccontate proprio dagli studenti dell'istituto, increduli e indignati dalle parole appena ascoltate.

Addirittura la donna avrebbe fatto esempi ai suoi alunni di come alcuni gay, nel corso della loro vita, siano riusciti a 'guarire' e di come, poi, si siano anche sposati, in certi casi. Ovviamente è stata immediata la condanna da parte del presidente di Arcigay Torino Marco Giusta:

La scuola contro l’omofobia: interessante iniziativa in Friuli Venezia Giulia

I ragazzi hanno raccontato e commentato l’accaduto su Facebook, alcuni di loro li conosciamo e dunque ci è arrivata la notizia. Abbiamo contattato subito il preside che è stato estremamente disponibile e ci ha assicurato che avvierà un’indagine interna

E' qualcosa che non può essere tollerato, soprattutto se certe tesi personali vengono raccontate e spacciate come teorie scientifiche. E, soprattutto, raccontati ad adolescenti:

La libertà di opinioni è una cosa sacrosanta che ovviamente noi difendiamo, ma ci preoccupa molto il fatto che un’insegnante porti avanti delle proprie idee davanti ai ragazzi mettendoli nella condizione di vedere rifiutare la propria omosessualità, di trovare difficoltà ad accettarsi, a dichiararsi e quindi a viverla in modo sereno

Via | Corriere

  • shares
  • Mail