Buckingham Palace vieta l’uso di Grindr ai suoi dipendenti

Secondo la polizia, il continuo andirivieni dalle stanze della servitù potrebbe compromettere la sicurezza della Regina

Stando al Daily Mail, un responsabile della sicurezza della Casa Reale inglese ha affermato che “ci sono serie e concrete preoccupazioni per la sicurezza nel Palazzo di Buckingham per quel che riguarda l’uso di app per gli incontri personali”. E poi ha continuato: “La polizia del Palazzo è particolarmente disturbata dal numero di invitati dei funzionari che pernottano nel palazzo, soprattutto se si considera che molti che entrano sono persone appena conosciute online”.

Così la regina Elisabetta ha deciso di vietare l’uso di app come Grindr, tra le altre: Sua Maestà ha, infatti, preso la decisione dopo aver valutato le relazioni della polizia che ritiene che tali applicazioni “possano compromettere la sicurezza della Regina”.

Buckingham Palace

Nei palazzi reali lavorano oltre ottocento persone tra maggiordomi, guardie del corpo, addetti alla pulizia, camerieri e personale di cucina. Sebbene agli inservienti sia espressamente vietato portare persone a Palazzo, possono riceverle nelle loro stanze private: è sufficiente un semplice controllo all’ingresso e un altro all’uscita.

Negli ultimi mesi sono cresciute a dismisura le visite “veloci” alle dipendenze del St James Palace e del Royal Mews, entrambi all’interno del complesso di Buckingham Palace a Londra, e, stando a quanto accertato dalla polizia, “molti di coloro che lavorano in quelle due residenze sembra facciano uso di tali app”.

Del resto, niente sesso… siamo inglesi!

via | Ocioxocio

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 100 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO