Matrimoni gay, anche Salvini contro Alfano (ma è solo apparenza)

L'apparenza inganna: vi potrà sembrare che Matteo Salvini sia a favore dei gay con alcune dichiarazioni, ma poi sarete costretti a tornare nella triste realtà leghista

matteo salvini

Riusciremo mai a smettere di parlare dei Salvini, degli Alfano, dei Buonanno et similia? La risposta, purtroppo,è negativa, visto che gli scenari politici del nostro Paese non ci fanno poi così tanto sperare; non potremo far altro che continuare a parlarne male, quindi, anche quando l’apparenza cerca di ingannarci.

Ci riferiamo, in particolar modo, alle recenti affermazioni di Matteo Salvini a Radio Montecarlo:

“Angelino Alfano è arrivato alla frutta, dica piuttosto ai prefetti di allontanare gli immigrati clandestini e di non alloggiarli in hotel a tre stelle a spese degli italiani [...]. Il ministro dell'operazione Mare nostrum per me è un ministro che non esiste".

Le dichiarazioni su Facebook


Starete pensando che questa è un’apertura a tutti gli effetti al mondo LGBT e ai matrimoni gay, ma vi sbagliate di grosso, e lo scriviamo a malincuore; siamo andati a spulciare, infatti, sulla pagina Facebook del boss della Lega ed è proprio qui che sono emerse le sue vere opinioni:

“Il signor Alfano impone ai prefetti di non accettare i matrimoni gay. Bene. Ma se il dormiente ministro imponesse ai prefetti di non ospitare migliaia di clandestini a spese nostre, sarebbe meglio!”.


A tutto, poi, dovete aggiungere che Salvini è uno dei firmatari della recente interrogazione voluta in difesa delle Sentinelle in piedi e appoggiata non solo dalla Lega ma da molti altri partiti di Centro Destra, che si sono eretti a difendori della cristianità e dell'eterosessualità (non che il Centro Sinistra sia da meno, visto che Renzi ha promesso la legge sulle unioni civili solo dopo la fine dei cosiddetti “mille giorni”).

In Italia, intanto, continuano le polemiche contro Alfano, e la recente rivolta di sindaci e opposizioni politiche ne sono la testimonianza più chiara; due vescovi hanno persino denunciato alla Commissione europea le sue prese di posizione e la situazione continuerà a diventare sempre più nera. In tutto questo, Alfano deve ancora spiegarci perché due persone sposate all’estero non devono essere riconosciute in Italia: invece di pensare a impedirne la trascrizione, il signor ministro non potrebbe applicarsi per colmare questo enorme e squallido buco legislativo?

Via | Gayburg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO