In Camerun se fai il parrucchiere o bevi Baileys sei gay e quindi vai in carcere

Può sembrare una barzelletta, eppure molte persone in Camerun vengono arrestate solo in base a stereotipi

Surreale. Svolgere il lavoro di parrucchiere o bere Baileys sono prove sufficienti, in Camerun, per mettere in carcere uomini con l’accusa di omosessualità. Un avvocato camerunese specializzato in diritti umani ha spiegato come i tribunali del paese africano utilizzano stereotipi di genere per condannare quanti sono sospettati di essere omosessuali.

Michel Togue, questo il nome dell’avvocato, ha detto di aver difeso decine di persone accusate di omosessualità, delle quali pochissime sono state colte in flagrante. Per questo motivo la polizia spesso ricorre a degli stereotipi per metterli in prigione. Tra questi, la professione che svolgono i presunti omosessuali. Afferma l’avvocato:

Se si lavora come parrucchieri è una prova sufficiente per i tribunali per mandare in prigione gli accusati.

Camerun

Secondo Togue, se degli uomini vengono beccati a bere “una bevanda per donne”, vengono immediatamente arrestati per omosessualità: un giudice, per esempio, ha condannato un uomo perché stava bevendo il Baileys, che secondo il giudice è una bevanda “solo per donne”.

Il Camerun punisce l’omosessualità con multe e detenzioni fino a cinque anni di carcere, come previsto dall’articolo 347 bis del suo codice penale. Molti vengono denunciati dai familiari o vicini, come anche dagli ex amanti (e in un caso, anche chi ha denunciato è stato arrestato). L’avvocato Togue riferisce che recentemente ha cercato di far liberare due donne che erano state accusate dai vicini, anche se nessuno, di fatto, le aveva viste a letto insieme. Per Michel Togue che anche nel caso in cui due persone dello stesso sesso fossero scoperte in pieno atto sessuale, questa sarebbe una palese violazione della privacy, che è illegale:

Per sapere che due persone hanno un rapporto sessuale, per coglierle sul fatto, bisogna violare la legge: c’è da violare la loro intimità, il che è un reato. Ma la polizia afferma di non occuparsi del reato di violazione della privacy, ma solo che due persone dello stesso sesso mantengono una relazione.

Così dice l’avvocato Togue, che poi prosegue, cercando di sensibilizzare i suoi connazionali:

Una persona omosessuale è un nostro amico, un fratello, una sorella, parte della nostra famiglia: non è un estraneo, non è qualcuno che viene da fuori.

Amnesty International ha raccolto oltre ottomila firme perché le persone in Camerun non siano messe in prigione per via del loro orientamento sessuale o identità di genere.

Via | PinkNews
Per la cartina del Camerun | "Cameroon in au" di User:VoodooIsland - Opera propria. Con licenza Public domain tramite Wikimedia Commons.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail