Reggio Emilia approva la mozione per riconoscere i matrimoni gay celebrati all'estero

Il Governo ascolterà le esigenze dei cittadini o continuerà a fare finta che tutto vada bene?

Il consiglio comunale di Reggio Emilia ha approvato la mozione presentata da Luisa Lucenti (SEL) a favore del riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso contratti all’estero, unendosi ad altre realtà italiane che già si muovono in questa direzione, nella speranza che prima o poi il Governo ascolti, anche se, duole dirlo, al momento il Governo, e Matteo Renzi in primis, sembrano essere impegnati in tutt’altro fuorché nel tenere presente il bene del popolo italiano.

A favore della mozione sono state raccolte millecinquecento firme da parte dei cittadini e delle cittadine di Regio Emilia e a loro va il ringraziamento del comitato Arcigay Gioconda della città:

Reggio Emilia si conferma all’avanguardia nel riconoscimento dei diritti civili, e richiama oggi con orgoglio il Governo e il Parlamento ad agire al più presto su questi temi a livello nazionale.

Reggio Emilia

Anche Flavio Romani, presidente nazionale di Arcigay, commenta favorevolmente la decisione del consiglio comunale di Reggio Emilia:

Un bellissimo segnale che sul piano simbolico viene valorizzato dalle tenaci dichiarazioni del primo cittadino. Su questo tipo di provvedimento si è sviluppato un positivo effetto a catena, innescato dalla sentenza del tribunale di Grosseto e tenuto vivo da bravi amministratori, di diversa estrazione politica, che hanno voluto far propria questa battaglia.

Secondo Romani questa è una situazione a cui i politici dovrebbero guardare, anche in vista delle elezioni regionali:

Reggio Emilia, in Emilia Romagna, arriva subito dopo Bologna e subito prima delle elezioni regionali, in programma per il prossimo novembre. E proprio in vista di quell'appuntamento sarà interessante vedere come le forze politiche sapranno cogliere questi segnali che giungono dai territori e tradurli in un orizzonte, la proposta di una Regione modello nel riconoscimento dei diritti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 194 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO