Le famiglie, focus delle notizie queer della settimana

Nel corso di questa prima settimana di settembre 2014 molte sono state le news queer che hanno avuto come centro le famiglie

La famiglia, o, meglio, le famiglie sono state al centro delle notizie queer di questa settimana. Tutto è partito dalla sentenza del Tribunale per i minori di Roma che, sul finire di agosto, ha riconosciuto per la prima volta la stepchild adoption per una coppia di due donne: la compagna della madre biologica potrà adottare legalmente il figlio. Com’era prevedibile, sono partite le polemiche, con i soliti noti Giovanardi e Gasparri che hanno detto la loro (niente di nuovo sotto il sole).

Il caso è diventato più caldo con l’iniziativa di Fratelli d’Italia che ha preso, senza permesso, una foto di Oliviero Toscani e l’ha usata per trasmettere il messaggio che un bambino non è un capriccio (vale a dire: se due persone dello stesso sesso vogliono un bimbo lo fanno per capriccio; se due etero vogliono un bimbo, è amore). Oliviero Toscani non c’è stato a questa violazione dei diritti d’autore e ha annunciato che non solo porterà Fratelli d’Italia in tribunale ma, nel caso di vittoria, i soldi che gli arriveranno da Fratelli d’Italia andranno per finanziare una campagna pro adozioni da parte delle persone dello stesso sesso, campagna che sarà realizzata dai Radicali.

Nella querelle è intervenuta anche Vladimir Luxuria che, volendo sottolineare come non sia affatto vero che i genitori eterosessuali siano migliori di quello dello stesso sesso, ha fatto riferimento a vicende familiari di Giorgia Meloni. Anche qui subito sono partite i soliti che hanno accusato Luxuria di andare sul personale, come se non accadesse lo stesso sistematicamente da anni con loro che, di fatto, demonizzano le persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali.

Famiglie

L’idea che la famiglia composta da un uomo e una donna sia l’unica naturale continua a fare breccia in Italia, come testimoniano le mozioni approvate ad Assisi e a Palermo (e già in precedenza dalla Regione Lombardia): a Palermo è stata lanciata una petizione per chiedere al comune di abrogare la mozione che, istituendo la festa della famiglia naturale, discrimina tutte le altre famiglie.

Questa visione distorta della realtà si è rivelata, ancora di più, quando nei giorni scorsi una puntata dei Cesaroni 6 ha mandato in onda il bacio tra due protagonisti maschili: subito ci sono state polemiche su polemiche, soprattutto sul fatto che molti bambini potrebbero aver visto la scena e chissà cosa avranno pensato. Peccato che gli stessi difensori dei diritti dei bambini, non si pongano alcun problemi quando la televisione, anche in fascia protetta, mostra di uomini e donne che allegramente tradiscono i rispettivi partner, di violenze a tutto andare e via dicendo. Ma quello, secondo loro, è normale perché a farlo sono due persone eterosessuali; l’altro – cioè l’amore – è anormale perché il soggetto è omosessuale.

In tutto questo la politica che fa? Matteo Renzi annuncia l’agenda dei mille giorni dalla quale spariscono le unioni civili, che pur aveva sbandierato tanto in campagna elettorale quanto recentemente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail