Gandhi e l'amore per Hermann Kallenbach

Alcune biografie sostengono che tra Gandhi e un body builder tedesco di origini ebraiche di nome Hermann Kallenbach ci fosse del tenero

Gandhi e l'amore per Hermann Kallenbach

Sarà sempre oggetto di dibattito per gli studiosi il ruolo del Mahatma Gandhi (1869-1948) nella storia: la sua campagna per la liberazione dell’India dal dominio britannico, la sua ispirazione al Movimento Americano per i diritti civili, la non-violenza, solo per accennare ad alcuni aspetti della sua vita e della sua avventura umana.

In Great Soul. Mahatma Gandhi and His Struggle with India, Joseph Lelyveld (vincitore del Pulitzer 1986 e direttore editoriale del New York Times dal 1994 al 2001) tra le altre cose, indaga anche sulla sessualità di Gandhi. Secondo il biografo, Gandhi dormiva castamente con donne senza vestiti ma i suoi occhi erano tutti per un body builder tedesco di origini ebraiche di nome Hermann Kallenbach (1871–1945).

Secondo il Wall Street Journal il biografo mostra chiaramente come Gandhi abbia raramente provato eccitazione dinanzi a delle giovani donne svestite perché l’amore della sua vita era il giovane architetto e body builder Hermann Kallenbach per il quale Gandhi avrebbe lasciato nel 1908 sua moglie.

Gandhi e l'amore per Hermann Kallenbach

Gandhi ebbe a scrivere a Herman Kallenbach:

Il tuo ritratto, l’unico, è sulla mensola nella mia camera da letto. La mensola è quella di fronte al letto.

Inoltre, pare che per la Grande Anima, l’ovatta e la vasellina furono un “costante ricordo” di Kallenbach. Secondo il biografo potrebbe riferirsi ai clisteri che Gandhi praticava (in India è consuetudine ricorrere ai clisteri per praticare una pulizia interiore al fine di essere purificati). Il Wall Street Journal, però, lascia intendere che l’uso dei clisteri potrebbe essere riferito anche a qualche pratica sessuale.

Gandhi, inoltre, scrisse a Kallenbach di come egli avesse preso completamente il suo corpo e come questa schiavitù fosse frammista a vendetta. Gandhi definiva se stesso “la casa al piano di sopra” e Kallenbach come “la casa al piano di sotto” e sarebbe giunto a far promettere alla “casa di sotto” di non “desiderare alcuna donna”. I due si sarebbero giurati, poi, “amore e ancora amore, un tale amore che il mondo non ha mai visto”.

In conclusione, qualora Gandhi fosse stato gay, poco importa.

È probabile che le generazioni future stenteranno a credere che un simile uomo sia mai esistito sulla terra in carne e ossa.

ebbe a dire di Gandhi Albert Einstein.

Foto in apertura di post | WikipediaGandhi, Sonia Schlesin (la sua segretaria) e il dottor Hermann Kallenbach. Kallenbach aveva cucito questa foto nel bavero della giacca prima di raggiungere Gandhi in Inghilterra nel corso della I Guerra Mondiale. Essendo di origine tedesca temeva di essere arrestato e l'immagine sequestrata. Effettivamente egli fu arrestato ma la polizia non trovò la foto (data: 1913).

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO