Russia: San Pietroburgo approva la legge anti-gay


Alla fine gli omofobi ce l'hanno fatta. Il Parlamento di San Pietroburgo ha approvato in via definitiva la legge anti-gay - di cui avevamo già parlato - che proibisce le manifestazioni pubbliche dell'omosessualità, a partire proprio dal Gay Pride.

La violazione della legge viene punita con multe fino a 500.000 rubli (12.500 euro) per ogni "atto pubblico" che promuova l'omosessualità, messa sullo stesso piano della pedofilia. Pochi sparuti manifestanti lgbt avevano protestato pubblicamente contro la legge, ma l'Assemblea ha finito il suo lavoro.

Anche il dipartimento di Stato degli Usa ha espresso forte preoccupazione per questa mossa che riduce la libertà di espressione e di manifestazione e ha chiesto ufficialmente alle autorità russe di "proteggere queste libertà e incoraggiare il rispetto dei diritti di tutti i cittadini". Anche in Europa la preoccupazione è molto forte.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: