California: una corte federale decide sui matrimoni gay


Ma la Proposition 8 è legittima o è incostituzionale? In altre parole: la maggioranza ha la facltà di decidere sui diritti di una minoranza o questa è una distorsione della democrazia? A questa domanda dovrà dare una risposta oggi una Corte d'appello federale davanti a cui è finita la vicenda esplosa nel 2008 con il referendum californiano.

Come ricorderete, la Proposition 8 (ribattezzata dai suoi oppositori Prop H8, in cui il numero otto diventa "hate" come odio) mise al voto la possibilità per le coppie dello stesso sesso di unirsi in matrimonio e, con una stretta maggioranza di circa 52 a 48, prevalsero i sì e la legge sul matrimonio gay fu cancellata.

Ma i sostenitori dei diritti civili si appellarono ai tribunali, sostenendo che la maggioranza dei cittadini può decidere se il matrimonio esiste oppure no, ma non se può essere aperto ai gay oppure no; altrimenti si dà alla maggioranza il diritto di decidere sulle minoranze, che non potranno mai prevalere - per la loro caratteristica - in un confronto numerico.

La decisione della Corte d'appello avrà un riflesso anche su tutti gli altri divieti introdotti per referendum in parecchi stati Usa. Che succederà? incrociamo le dita.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: