Roberto Alessi si giustifica per le barzellette gay: "Non ne sapevo niente, chiedo scusa"

È arrivata la risposta del direttore della rivista

Era prevedibile che prima o poi il clamore nato sul web e che aveva dato vita addirittura ad una petizione di raccolta firme, arrivasse a pretendere una risposta ufficiale. Era un sacrosanto diritto dopo tutte le polemiche nate nelle scorse ore per via di quel libretto offensivo in allegato al settimanale Visto: le barzellette sui gay. Una polemica alla quale ha cercato di dare risposta proprio il direttore del giornale, Roberto Alessi. Proprio lui, via Facebook, dalla sua pagina, ha scritto ai fan e lettori:

A PROPOSITO DI UN LIBRICINO DI BARZELLETTE ALLEGATO IN ALCUNE EDICOLE A VISTO
Non ne so niente: non è un’iniziativa redazionale, probabilmente è un’iniziativa che attiene alle politiche distributive di cui non mi occupo. Se qualcosa allegato a Visto ha offeso chiedo scusa in prima persona. Per quanto riguarda la posizione di Visto sul rispetto e la considerazione del mondo omosessuale basta leggere i nostri servizi, ultimo quello della settimana scorsa sul vicesindaco di Viareggio o sull’impegno sociale di Vladimir Luxuria nel suo quartiere a Roma. Ripeto: mi scuso e sono veramente dispiaciuto. ROBERTO

Vivienne Westwood Charity Cocktail 'Fashion For Relief'


Una presa di distanza dall'accaduto, con precisazioni chiare. Lui non sapeva dell'allegato in uscita con il suo settimanale e, se ha offeso, chiede scusa. Ma i commenti dei lettori non sembrano dare troppo peso a questa sua dichiarazione e si chiedono come sia possibile che proprio un direttore non sappia di queste iniziative.

Un utente gli scrive:

È dispiaciuto?non ne sapeva nulla? Ci vuole veramente un gran coraggio. E glielo dice un omosessuale che poco si è divertito con le battute sui gay. Si vergogni. E si vergogni anche dei collaboratori che si sono occupati di questa fantastica uscita di marketing, una idea geniale, in un momento storico in cui la caccia e lo scherno al gay è tornata di gran moda. Non ho veramente le parole. Ma son sicuro che le associazioni lgbt ed i loro avvocati ne hanno. Buona vita.

E ancora una volta, Alessi cerca di spiegare l'accaduto, rispondendo in prima persona:

Io sono una persona sincera, no, non se sapevo nulla e mi devi credere, ho scritto il libro di Versace, con lui, sostengo Vladimir, non credo di dover dimostrare niente, e la mia posizione l'ho ripetuta più volte in tv, R.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 169 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO