Avvenire contro Giuliano Pisapia per le coppie di fatto

avvenire contro giuliano pisapia

Vi abbiamo raccontato dell'intenzione, da parte di Milano e di Giuliano Pisapia, di assegnare il Fondo anticrisi anche alle coppie di fatto eterosessuali e omosessuali. Il Pdl si è dimostrato contrario e anche una parte del Partito Democratico. Ora è il turno del quotidiano Avvenire:

Porre sullo stesso piano coppie che, sposandosi civilmente o religiosamente, assumono un preciso impegno pubblico e persone che, per scelta o per impossibilità, non rendono vincolanti i propri legami “affettivi”, significa violare la lettera e lo spirito della nostra Carta fondamentale.

E ancora...

Bisogna evitare riconoscimenti impropri e dare chiara e incontestabile priorità alla famiglia fondata sul matrimonio. Che non è favorita dalla costituzione per “ideologia”, ma perché orientata a garantire quei rilevanti beni sociali che sono la stabilità delle relazioni fondamentali e la creazione di un ambiente più accogliente per i figli. Qui non ci sono discriminazioni da sanare ma condizioni e scelte oggettivamente diverse. La peggiore ingiustizia, lo insegnava anche don Lorenzo Milani, è trattare in maniera uguale situazioni differenti”.

La risposta di Franco Grillini non si è fatta attendere:

Basta un nonnulla per sollevare un vespaio, così come sta succedendo a Milano. Per una misura di buonsenso come quella di non discriminare nessuno nell'accesso all'assistenza alle famiglie si è scatenata la solita reazione clericale. Il provvedimento di sostegno alle famiglie dice che anche le coppie non sposate in difficoltà saranno aiutate dal Comune. L'Avvenire sostiene dice che se uno è in difficoltà sono affari suoi, a meno che non sia regolarmente sposato. La differenza è tutta qui: se hai un pezzo di carta ok, se no sei abbandonato al tuo destino

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: