Arrestato 19enne per aver ricattato l'amante dopo una notte di sesso gay

estersione fra gay: aguzzino finisce in cella

Un 19enne milanese senza lavoro e un 31enne di Reggiolo (RE) si incontrano per caso, in una chat per soli uomini. Iniziano a chiacchierare, a conoscersi meglio, a frequentarsi per poi, dopo circa una settimana, incontrarsi. Il ragazzo viene invitato a Reggiolo e accetta volentieri. I due si conoscono giovedì 26 gennaio e dopo una piacevole serata finiscono a letto insieme. Passione, complicità e sesso.

Tutto bene? Lieto fine? No, perché a quel punto il 19enne getta la maschera a si rivela per quello che è. Chiede soldi al suo amante: "O mi dai denaro o ti gonfio di botte", lo minaccia. Lui non cede, nemmeno quando il giovane minaccia di chiamare il 112 per denunciare di aver subìto un abuso. Niente, tutto inutile. Così, per spaventarlo, compone il numero e arriva la pattuglia. Ma quando si presentano i carabinieri, è proprio la posizione del 19enne a scricchiolare e a mostrare numerose falle e incoerenze. L'uomo racconta del tentativo di estorsione e così, il risultato è l'aver accompagnato l'ospite in cella per tentativo di estorsione.

L'udienza è fissata dal giudice nei prossimi giorni per convalidare il fermo.

Via | Il Resto Del Carlino

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: