Chi legge Harry Potter ha una migliore percezione delle persone LGBT

Harry Potter insegna a combattere i pregiudizi: lo afferma uno studio sul Journal of Applied Social Psychology.

Un nuovo lavoro pubblicato dal Journal of Applied Social Psychology assicura che i giovani che hanno letto la celeberrima saga del maghetto Harry Potter creata da J. K. Rowling hanno migliorato la loro percezione nei confronti degli immigranti, dei rifugiati e delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali.

I risultati provengono da una serie di studi portati avanti tra studenti di vario ordine e grado tanto in Italia quanto in Inghilterra. Per quel che riguarda gli studenti italiani in un primo momento a un gruppo di loro è stato fatto compilare un questionario per sondare la loro disposizione nei confronti degli immigrati. In un secondo momento il gruppo è stato diviso in due sezioni e per sei settimane hanno dovuto leggere dei libri: alcuni avevano da leggere Harry Potter, altri no. Stando ai ricercatori i risultati sono stati significativi, dal momento che quanti avevano letto Harry Potter avevano una visione molto migliore nei confronti degli immigrati.

Chi legge Harry Potter ha una migliore percezione delle persone LGBT

Un’altra parte dello studio ha coinvolto diversi studenti delle superiori di varie scuole italiane e il risultato è stato oltremodo interessante: quanti avevano letto la saga di Harry Potter mostravano una maggior tolleranza nei confronti delle persone omosessuali. Una percentuale maggiore di tolleranza l’hanno mostrata coloro che si sono identificati con lo stesso Harry Potter.

Risultati simili si sono avuti anche tra gli studenti universitari dell’Inghilterra, con la variante che i giovani, dopo aver letto i libri della saga di Harry Potter, empatizzavano molto più con il tema dei rifugiati.

Via | Ocioxocio

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 209 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO