Che tipo di uomo cerchiamo noi gay?

Secondo alcuni sondaggi in rete, i gay avrebbero delle idee abbastanza precise in merito al proprio Principe azzurro. Che ne pensate?

Che tipo di uomo piace a noi gay? Ci sono delle caratteristiche che possono indicare l’uomo ideale per gli omosessuali? Il sito About.com – che sviluppa contenuti sullo stile di vita dei gay – qualche tempo fa ha condotto un sondaggio tra i suoi lettori per cercare di individuare il maschio ideale per i gay.

Per quel che riguarda l’aspetto fisico, la maggioranza degli utenti (il 25%) fa sapere che sceglierebbe senza alcun problema l’uomo che “è felice di essere come è”. Una visione del tutto opposta a quella cui siamo soliti pensare con il maschio gay perennemente in palestra per essere perfetto. L’uomo felice di essere come è non vuol dire, però, che per i gay vada bene tutto: al secondo posto (con il 19% delle preferenze), infatti, troviamo che è importante che il principe azzurro si preoccupi del suo aspetto e (con il 18%) che segua un’alimentazione salutare. Per il 15% degli intervenuti, poi, è importante che l’uomo ideale faccia attività fisica regolarmente (per il 13% va bene anche che la faccia di tanto in tanto). Solo per un 5% di gay va bene un uomo che mangia quel che vuole.

Per quel che riguarda la personalità dell’uomo dei sogni, per il 16% deve essere una persona degna di fiducia e un uomo normale: l’uomo comune, insomma. Inoltre, dev’essere fedele (15%) e sicuro di sé (14%). Infine, per il 9%, l’uomo ideale dev’essere ambizioso e avventuriero.

In queste caratteristiche ricade anche il vostro uomo ideale oppure avete altre preferenze?

Che tipo di uomo cerchiamo noi gay?

Personalmente sono convinto che, pensando a una relazione, l'aspetto fisico sia proprio l'ultima cosa che si deve guardare. L'uomo ideale è semplicemente un'utopia e questo forse alla fine il trabocchetto in cui cadono molti. Si pretende, infatti, che il proprio fidanzato (ma questo è un discorso generico che vale per tutti, non solo per gli omosessuali), sia anche l’uomo ideale, la perfezione incarnata, bello, gentile e via dicendo. Probabilmente, però, questa è una visione un po' superficiale sia delle persone che del significato di una relazione. Forse sono utopistico, ma ritengo che in una relazione sia importante quello che potremmo chiamare, seppur in maniera impropria, lo "spirito" di una persona, vale a dire tutte quelle qualità, positive o negative, che ne delineano il carattere. Se è la persona giusta, non dico che i difetti scompaiano, ma diventano tollerabili. L'aspetto fisico viene solo dopo: se una persona è bella dentro, se la amiamo per quello che è, allora per noi sarà bella anche fuori e per noi sarà la persona più bella del mondo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: