10 cose da sapere su Facebook per chi è gay

Rinfreschiamo alcune regolette basi della presenza su Facebook, con un occhio di riguardo alla realtà LGBT.

Facebook, volenti o nolenti, fa parte delle nostre vite: come in ogni cosa il problema non è lo strumento ma come lo si utilizza. Fuori Facebook c’è tutta una vita reale che merita di essere vissuta. Dentro Facebook ci sono tante cose (purtroppo anche tanta, tantissima omofobia) come diverse opportunità (come quella, per esempio, di scegliere il proprio genere che ora è disponibile anche in Italia).

Ci sono però alcune cose da sapere per i gay su Facebook: sono norme basilari, ma che è meglio rinfrescare ogni tanto.

La bella lettera di una mamma al figlio che ha fatto coming out


  1. Ci sono due scuole di pensiero su Facebook: la prima che è venga usato solo per gli amici e i conoscenti più stretti; l'altra è che sia (l'ennesima) community gay on line, che come nel celebre cartone dei Pokemon, si traduce nella raccolta di più gay possibili.

  2. Le foto in bianco e nero sui profili sono un trucchetto per mascherare i tuoi difetti più evidenti. Così sarai bersagliato da richieste di amicizia.

  3. Se non dici il tuo status affettivo sul profilo di Facebook vuol dire che sei libero. Dire di essere single equivale a dire che sei disperato.

  4. Ad ogni modo, pensaci due volte prima di annunciare il tuo status sentimentale su Facebook. Quando lo cambi, annunciando la fine della tua relazione, riceverai un sacco di commenti con scritto "Cosa è successo?" o "Mi dispiace" (secondo alcuni questo sarebbe un buon modo per cercare sesso di rimbalzo).

  5. In ogni caso, annunciare il tuo legame sentimentale su Facebook è una cosa carina. Seriamente. Ogni volta che accade, dev'essere motivo per grandi celebrazioni.

  6. Su internet tutto è pubblico. C'è chi usa Facebook per divertirsi e trovare spunti di scherno. Se non vuoi che tua madre veda gli scatti di te che ti fai fotografare mentre stai con cinque ragazzoni mezzi nudi, evita di mettere quelle foto on line.

  7. I membri della famiglia su Facebook sono una faccenda piuttosto delicata, specie per i gay non dichiarati. Sii consapevole che oggi chiunque si iscrive su Facebook.

  8. Se pensi che un ragazzo sia bello, non fare una richiesta di amicizia vedendo se la accetta, ma cerca di comunicare con lui. Va bene che Facebook è utile per trovare i compagni delle medie, ma non per questo ti devi comportare come un tredicenne. Ecco come presentarsi a un bel ragazzo di Facebook: "Ciao (nome), guarda che tu (scrivi una passione che vi accomuna che puoi comodamente trovare sul suo profilo). Anche io! PS: Sei carino!”.

  9. Lo sappiamo che hai visto Milk e tutti pensiamo che sia fantastico. Ma ora è arrivato il momento che tu smetta di dirlo. Stesso discorso per “Mamma mia!”.

  10. Quando apri un gruppo di supporto alla causa gay, la fatica più grande che fai è quella di mettere una foto figa e pubblicizzare un po' la cosa. Quando arriverai molto facilmente a duemila fan, devi concretizzare quello che hai intenzione di fare con duemila gay di cui sei il mentore. Qualunque cosa sia.

Via | Queerty

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 27 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO