Repubblica Moldova: tribunale condanna sito web per commenti omofobi

Repubblica Moldova: tribunale condanna sito web per commenti omofobiIl Tribunale di Prima Istanza di Chișinău, capitale della Moldavia, ha condannato il sito web Privesc.eu per dei commenti omofobi che sono stati fatti in chat lo scorso mese di febbraio. La denuncia è stata presentata dall'attivista Oleg Brega, dopo che lui stesso era stato oggetto di vari commenti omofobi da parte degli utenti del sito durante la trasmissione in streaming di una conferenza sulla diversità sessuale.

Doina Ioana Străisteanu, avvocata dell'attivista, ha sostenuto che il titolare della pagina web è responsabile dei contenuti che vengono pubblicati sulla stessa pagina ed è tenuto a esercitare un'attività di moderazione per evitare offese. Dal canto suo il titolare del sito ha affermato che non è suo costume moderare i contenuti della chat sul sito dal momento che è a favore della totale libertà di espressione degli utenti, oltre al fatto che, secondo lui, sarebbe molto difficile controllare quanto viene scritto in chat.

Il Tribunale ha sostenuto la tesi dell'accusa ravvisando omofobia nei messaggi lasciati sul sito e ha condannato il proprietario del sito a scrivere un messaggio di scuse all'attivista da pubblicare sul sito, gli ha comminato una multa per danni morali nei confronti di Oleg Brega per i commenti omofobi lasciati passare e, infine, lo ha condannato a pagare le spese processuali.

Foto | Gay Piombino

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: