USA: sindaco conservatore, scoperto a comprare in un sexy shop gay, fa coming out

Greg DavisGreg Davis (in foto), sindaco repubblicano di Southaven nel Mississippi dal 1997, non ha avuto altra scelta che quella di fare coming out dopo che, tra le note presentate a carico della municipalità, era finito un suo acquisto su un sexy shop gay.

Davis, infatti, era sotto accertamenti per via di spese troppo alte del comune – 170mila dollari – nelle quali aveva fatto finire, con nonchalance, diversi acquisti personali. Però il sindaco della quarta città del Mississippi mai avrebbe pensato che dinanzi a una cifra così alta sarebbe stata una fattura di solo 67 dollari a creargli problemi: infatti Greg Davis si era fatto rimborsare anche un acquisto effettuato in un sexy shop gay canadese.

La polemica è scoppiata anche per via del suo profilo politico molto conservatore: nel 2008 i difensori dei valori della famiglia tradizionale lo avevano candidato al Congresso (ma poi ha perso contro il candidato democratico e va detto che la campagna elettorale non ha mai assunto toni omofobi).

Davis è divorziato da un anno, ha tre figlie e, dopo aver riconosciuto i fatti, ha fatto pubblicamente coming out chiedendo scusa ai suoi votanti:

A questo punto della mia vita e della mia carriera, sebbene abbia sempre cercato di mantenere separata la mia vita pubblica da quella personale, risulta chiaro che non più essere così. Chiedo scusa per non essere stato sufficientemente onesto con me stesso e, di conseguenza, onesto con voi. Ora non ho altro rimedio che iniziare a essere profondamente onesto mostrando veramente chi sono.

In base alla sua fede politica conservatrice, Davis ha anche affermato di aver dovuto lottare molto con se stesso prima di accettare l'omosessualità. Ora Greg Davis potrebbe venire accusato di utilizzo di fondi pubblici per fini privati.

Via | Dos Manzanas
Foto | Advocate

  • shares
  • +1
  • Mail