Il pasticciaccio: Stephen Spender contro David Leavitt

Stephen Spender

Il nome di Stephen Spender (1909-1995) dirà sicuramente qualcosa ai tanti fan di David Leavitt. Il poeta inglese querelò infatti lo scrittore americano per aver usato (e mistificato) la sua relazione con un giovane uomo di nome Tony Hyndman nel suo romanzo Quando l’Inghilterra dorme. Ne nacque una lunga e rumorosa diatriba che si risolse poi con un accordo privato tra le parti. Del resto, la sessualità di Stephen Spender fu soggetta a forti oscillazioni che lo portarono, dopo un’intensa vita omosessuale, a sposarsi per ben due volte. La prima volta, per una manciata di anni, con una certa Inez Maria Pearn, la seconda, per la vita, con la pianista Natasha Litvin.

Poeta e scrittore dal grande impegno sociale, amico di Auden, Isherwood e Virginia Woolf, Spender scrisse, oltre a tante poesie e saggi che gli meritarono il titolo di baronetto, anche un libro di memorie "World within world" dove l’amante di un tempo, il celebre Tony Hyndman, lasciato per amore di una donna, diventa Jimmy Younger.

La bisessualità di Spender è stata fonte di molta speculazione, ma forse la soluzione sta nelle stesse parole che lo scrittore affidò all’amico Isherwood: “ Trovo i ragazzi molto più attraenti, infatti sono più che mai suscettibile al loro fascino, ma a dire il vero trovo l’atto sessuale con le donne più soddisfacente, più terribile, più disgustoso, insomma più tutto."

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: