Russia, ragazzo, vittima di un'aggressione omofoba, ha un attacco di cuore

Bruttissima esperienza nella Russia di Putin: ragazzo rischia la vita vittima di violenza omofoba

E' iniziato un processo contro cinque ragazzi russi, tra i 18 e 22 anni, colpevoli di aver rapito e minacciato un ragazzo venticinquenne. I giovani hanno incontrato la vittima in un sito di incontro gay e hanno fissato un appuntamento, fingendo di essere interessato a lui. Si sono quindi dati appuntamento vicino ad un lago. Ma lì, si sono presentati armati di una pistola.

Secondo la testimonianza della vittima, gli hanno detto inizialmente di non essere interessati solamente ai soldi ma di essere in una sorta di missione per "ripulire la società dagli omosessuali". Subito si sono fatti consegnare i contanti che aveva con sé -circa 10.000 rubli (290 dollari) ma non era abbastanza e volevano più denaro.

Il pubblico ministero, Emilia Sinenko, ha poi raccontato alcuni dettagli terribili di quell'esperienza:

omofobia pistola rapimento

"Gli studenti hanno trattato il prigioniero con crudeltà, costringendolo a spogliarsi nudo e hanno sparato per terra, accanto a lui. Il giovane uomo che soffre di una malattia cronica ha avuto un attacco di cuore causato dallo stress. In questa condizione, è stato portato in banca per ottenere un prestito di 50.000 rubli (1.440 dollari)"

Il 25enne è riuscito a far avere un messaggio all'impiegato di banca, scrivendogli "Aiuto, sono in ostaggio". Ma l'uomo non è intervenuto e ha semplicemente detto al ragazzo di tornare più tardi per il prestito.

I cinque non si sono arresti e lo hanno così condotto in una seconda banca. Anche qui, la vittima è riuscita a chiedere aiuto e, in questo caso, l'intervento c'è stato. La polizia è accorsa e ha arrestato i cinque giovani mentre il protagonista di questa vicenda veniva accompagnato in ospedale proprio in seguito al suo attacco di cuore che poteva essergli fatale.

Via | GayStarNews

  • shares
  • Mail