Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia 2014

Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia. Ma cosa significa “omofobia”? E cosa vuol dire “transfobia”?

Oggi, 17 maggio, si celebra la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia: era, infatti, il 17 maggio del 1990 quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità tolse l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

Sono trascorsi ventitré anni da allora, ma ancora oggi in molti si riferiscono all’omosessualità e alla transessualità come a una malattia.

L’Unione Europea ha istituito ufficialmente la Giornata contro l’omofobia e la transfobia su tutto il suo territorio nel 2007. Ideatore della Giornata è Louis-Georges Tin che nel saggio L’invenzione della cultura eterosessuale scrive:

Benché, in generale, l’eterosessualità sembri la cosa più “naturale” del mondo, sembra assai difficile spiegarne le ragioni in termini biologici […] È raro che ci si chieda se l’attrazione per l’altro sesso sia dovuta a un qualunque meccanismo fisiologico, poiché in realtà finora l’attenzione dei biologi, dei medici e a dire il vero dell’intera società si è rivolta piuttosto sulle cause dell’attrazione per il medesimo sesso. Le ricerche riguardavano l’altro, l’anormale: era l’omosessuale a richiedere una spiegazione.

E ancora:

Paradossale per quanto possa sembrare, è lo sviluppo delle culture gay e lesbiche a rendere possibile oggi una riflessione di fondo sulla questione eterosessuale. […] È davvero sorprendente, infatti, che a dispetto delle migliaia di opere che da secoli sono dedicate al matrimonio, alla famiglia, all’amore o alla sessualità degli eterosessuali, l’eterosessualità in quanto tale non sia mai stata oggetto di alcuno scritto: in genere costituiva il punto di vista, e dunque il punto cieco, di ogni visione. Ovunque presente, messa in scena o esalta, si sottraeva a ogni interrogazione, come se fosse trasparente a se stessa, come se stesse al di qua di ogni riflessività.

Cosa significa omofobia?


Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia 2014

Scrive Delia Vaccarello nel suo libro Evviva la neve:

Cos’è l’omofobia? Non è solo l’idiosincrasia del singolo verso l’omosessuale, come la parola “fobia” lascerebbe intendere, ma è un raptus spesso sorretto da una collettività. È l’avversione di un individuo che aggredisce insieme agli altri oppure da solo ma nella convinzione di avere dalla sua molti a dargli ragione. Divide le persone che amano in “normali” e “deviate”. Somiglia molto al razzismo, ma non punta il dito contro il colore della pelle, bensì contro il sentimento.

Cosa vuol dire transfobia?


Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia 2014

È sempre Delia Vaccarello a fornirci una chiara definizione di transfobia:

La transfobia, vicina all’omofobia, è un’aggressione rivolta contro coloro che sentono di appartenere a un genere diverso da quello che ci si aspetta sulla base del sesso alla nascita. È una violenza a colpi di parole e comportamenti, che possono spingersi fino all’annientamento. Un’ostilità che non si basa sulla conoscenza delle persone, ma su come si presume siano, in quanto ritenute parte di una “categoria” associata all’ambiguità, alla disonestà, al vizio. È anche frutto della tensione sociale cresciuta negli ultimi anni e assetata di nemici.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail