Gli Stati Uniti aprono alle persone transessuali nelle forze armate

Il segretario alla Difesa degli USA si è detto favorevole all'abrogazione della norma che vieta la presenza di persone transessuali nelle forze armate.

Dopo il Don’t Ask Don’t Tell, che vietava a gay e lesbiche dell’esercito statunitense di parlare del proprio orientamento sessuale, un altro tabù sta per cadere: anche le persone transessuali, infatti, potranno prestare servizio nelle forze armate USA. Ad annunciarlo è stato Chuck Hagel, Segretario della Difesa degli Stati Uniti, che, in un’intervista al programma This Week della ABC, si è detto disponibile ad abrogare la norma in vigore che vieta alle persone transessuali di prestare servizio militare. Ha detto Hagel:

Sono disponibile ad affrontare il caso perché considero che ogni cittadino statunitense che voglia servire il proprio Paese e che ne abbia i requisiti debba avere l'opportunità di farlo.

Si tratta di un passo avanti nella parità di tutti i cittadini e le cittadine (non entriamo qui nel merito del servizio militare in sé) ed è un altro fiore all’occhiello per l’amministrazione Obama, che, come detto, ha già abrogato il DADT (misura che, quando nel 1996 venne approvata da Bill Clinton, sembrava un passo in avanti perché consentiva alle persone omosessuali di entrare nell’esercito, seppur con un escamotage che le riduceva al silenzio: e non è un caso che da allora le persone lesbiche e omosessuali che decidevano di fare coming out erano state espulse sollevando, così, il caso dinanzi all’opinione pubblica e alle autorità e portando, a distanza di anni, all’abrogazione della norma Don’t Ask Don’t Tell).

Chuck Hagel, Segretario alla Difesa USA

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | AGI

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail