Vittorio Feltri a Domenica In: "Platinette mi ha insegnato a riconoscere i cripto gay"

L'uomo è stato ospite di Mara Venier a Domenica In

Vittorio Feltri è stato ospite di Mara Venier a Domenica In e ha rilasciato alcuni commenti su personaggi noti del mondo dello spettacolo e della televisione. Tra questi, anche Platinette, suo compagno di viaggio nel programma "Milano Roma", andato in onda nel 2000 su Rai Tre.

Ha ammesso di aver avuto un buon ricordo di quell'esperienza e di aver trovato molto simpatico Mauro Coruzzi. Addirittura, ha rivelato di essere stato guidato su come riconoscere i criptogay. Chi sono? Gli omosessuali non dichiarati, coloro che lo nascondono o non lo rivelano apertamente. Mara ha ammesso curiosità e così lui ha spiegato come funziona il metodo. Il luogo scelto per l'esperimento è... la banca:

"Se sei in coda e c'è un impiegato o qualcuno a cui cade qualcosa, possono avere due reazioni. O dicono una parolaccia, o magari una bestemmia... e allora sono machi. Oppure dicono "Oh!" e allora sono gay"

Mara ha poi chiesto: "E ce sono tanti" ma lui ha scosso la testa: "Pochissimi... almeno in banca, eh".

feltri

Mi spiace dover smentire Feltri ma ho due obiezioni. La prima è che se un impiegato di banca fa scivolare qualcosa a terra e tira un bestemmione o una parolaccia davanti a qualcuno, non è eterosessuale ma un maleducato (dato che sta lavorando). E come secondo punto, a distruggere questa teoria riportata, c'è la mia diretta esperienza. In base alle parolacce che mi sfuggono quando sono a casa e mi cade a terra qualcosa di importante (e magari si rompe), a quest'ora sarei già sposato e avrei almeno quattro figli.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: