Il cardinal Bagnasco tuona (ancora) contro le famiglie diverse da quella uomo-donna

Il cardinal Bagnasco ha ribadito, per l'ennesima volta, che il matrimonio è solo per uomo e donna e che solo un uomo e una donna sono capaci di amare per sempre.

In occasione della Convocazione delle Famiglie alla Fiera del Mare, a Genova, il cardinal Angelo Bagnasco (che è arcivescovo di Genova oltre a essere presidente della Conferenza Episcopale Italiana), ha sottolineato, per l’ennesima volta, che la famiglia è solo quella composta da uomo e donna (con figli, ovviamente). Naturalmente Sua Eminenza si è ben guardato da “parlare male” delle famiglie diverse da quelle composte da uomo e donna, ma nel leggere le sue parole si capisce benissimo quello che voleva dire.

Proprio nel giorno in cui a Firenze si celebrava la Festa delle Famiglie, il cardinal Bagnasco ha sottolineato che i cristiani debbono testimoniare

la bella notizia del matrimonio e della famiglia. Non è una testimonianza solamente cristiana, ma anche umana: la famiglia, infatti, nasce dal disegno della creazione, quando Dio crea l’uomo a sua immagine: “maschio e femmina li creò”. è la vocazione all’amore che fa della creatura l’immagine di Dio, non la solitudine. Solo la roccia dell’amore totale - e quindi irrevocabile tra uomo e donna – è capace di fondare una società che sia casa abitabile per tutti.

Angelo Bagnasco

Secondo il porporato, pertanto, solo l’amore tra uomo e donna è totale: il resto è fuffa.

Poi Bagnasco ha invitato le famiglie presenti a protestare per richiedere i propri diritti, affermando:

Care famiglie, non dovete avere timore a reclamare a voce alta e unita i vostri diritti: con il matrimonio avete assunto dei doveri verso la società, ma avete anche acquisito dei diritti. E i patti vanno rispettati! Alzate compatti la voce per dire “sì” alla famiglia e “no” a ciò che la disgrega!

Da notare che sul sito della diocesi di Genova, che riporta il testo dell’omelia, le parole: “Alzate compatti la voce per dire “sì” alla famiglia e “no” a ciò che la disgrega!” sono riportate in grassetto.

Infine, si concentra sui bambini, che, secondo lui, hanno bisogno di un amore “per sempre”, e non a tempo, non finché dura. Questa è la solita teoria che portano avanti le persone di chiesa e chi è contrario al matrimonio ugualitario: che, cioè, solo un uomo e una donna, regolarmente sposati, possono amarsi per sempre; gli altri (i matrimoni gay, per dirla in breve) sono più che altro capricci. Chissà se il cardinal Bagnasco si è mai fermato a riflettere su quanti sono i divorzi di quelle coppie uomo/donna che hanno detto sì per sempre… Ecco, comunque, le parole di Bagnasco:

Il bambino ha bisogno di vedere che è possibile un amore “per sempre”, non a tempo, non finché dura. Ne siamo convinti? Se il figlio percepisce che la coppia di papà e mamma non è una somma, ma un intreccio per la vita, allora non avrà paura di stabilire un giorno dei legami definitivi, e per questo sarà disposto a lottare con tutte le forze e con l’aiuto certo della grazia. Anche chi vive separato, ma fedele al proprio impegno matrimoniale, dà testimonianza del per sempre.


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: