"Gay Gunners", lo striscione omofobo punito con 10mila euro di risarcimento danni

Ai responsabili dello striscione "Gay Gunners" sono stati chiesti 10mila euro di risarcimento: non sempre l'omofobia trionfa nel calcio

Forse è stata una bravata o forse è stato un gesto volto realmente a offendere e denigrare, fatto sta che quello striscione con su scritto "Gay Gunners" non è proprio piaciuto all'amministrazione del Baynern Monaco, che è riuscito a individuare i quattro responsabili e chiederà, pensate, la cifra di 10mila euro in qualità di risarcimento danni: un comportamento che era stato già annunciato, visto che, dopo la partita Bayern Monaco - Arsenal, la società baverese aveva annunciato che avrebbe chiesto i danni.

Il bersaglio dei tifosi - ci ricordano i nostri amici di Calcioblog - era Mesut Özil, centrocampista tedesco dell'Arsenal che era stato raffigurato su questo striscione con un cannone (simbolo dell'Arsenal) puntato contro il fondoschiena: una vignetta che avrà fatto senz'altro ridere i meno sensibili, e fatto godere i più omofobi, ma che non è piaciuta per niente alla società: 10mila euro divisi fra quattro persone non sono certo una piccola somma per i comuni mortali, ma forse è questo il prezzo che dovranno pagare per aver danneggiato fortemente la società.

Non solo uno striscione


gay gunners

I quattro tifosi sono sudtirolesi e dovranno rispondere anche di questo striscione esposto in data 11 marzo: non sempre, a quanto pare, il mondo del calcio ci regala episodi e dichiarazione di indiscutibile omofobia e chiusura mentale; c'è anche chi tiene all'immagine e il fatto di ritenere l'omofobia un danno alla reputazione non può farci capire quanto certi calciatori, certi tifosi e certe squadre di calcio siano indietro.

Via | Calcioblog

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail