Alessandro Del Piero nel video australiano contro l'omofobia nello sport

In Australia sta avendo un enorme successo uno spot contro l'omofobia nello sport trasmesso a livello nazionale.

C’è anche Alessandro Del Piero nel video contro l’omofobia nello sport che è stato lanciato in Australia. Si tratta di uno spot di trenta secondi, in bianco e nero, trasmesso a livello nazionale da varie emittenti australiane come anche negli schermi che si trovano negli stadi. Nel video, oltre ad Alessandro Del Piero (che attualmente gioca come centrocampista o attaccante e capitano del Sydney FC), compaiono anche altre sportivi che giocano in Australia come Mitchell Johnson (cricket), Ryan Harris (cricket), Harry Kewell (calcio), Paul Gallen (rugby), Nate Myles (rugby), David Pocock (rugby), Lauren Jackson (pallacanestro), Nathan Jones (football australiano), Sam Mitchell (football australiano), Kim Green (pallavolo) e Libby Trickett (nuoto). Nello spot si dice, tra l'altro:

Se puoi correre, puoi correre. Se puoi remare, puoi remare. Se una persona è omosessuale o eterosessuale non dovrebbe importare nello sport. La capacità, la bravura e lo sforzo sono quello che contano. Se puoi giocare, puoi giocare.

Le reazioni a questo video sono state tutte positive, a partire da quelle di Peter Dutton, ministro australiano dello sport:

Sono orgoglioso di vedere sportivi australiani che si impegnano per un ruolo tanto importante impegnandosi a favore della diversità e dell’accettazione. Non c’è spazio per la discriminazione nei nostri campi sportivi, nei nostri club o associazioni sportive di ogni livello.

Alessandro Del Piero nel video australiano contro l'omofobia nello sport

Lo spot è stato realizzato dagli organizzatori della Bingham Cup Sydney 2014, la coppa del mondo del rugby gay, come anche dai responsabili del primo club gay dell’Australia, il Sydney Convict. Andrew Purcha, presidente del Bingham Cup Sydney 2014, ha affermato:

Molte persone gay, lesbiche e bisessuali restano nascoste o abbandonano completamente lo posrto per via degli atteggiamenti omofobi e discriminazioni che ci sono in questo mondo.

L’annuncio è stato prodotto da Play by the rules, organizzazione che lavora per evitare la discriminazione e il bullismo nello sport.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • +1
  • Mail