I triangoli rosa di Sachsenhausen: il martirio di un prete gay

La vicenda poco nota di un anziano prete omosessuale che venne brutalmente picchiato a morte nel campo di concentramento di Sachsenhausen. Una morte affrontata con estrema dignità che lasciò in Heinz Heger, autore di Gli uomini col triangolo rosa, un vivido e commosso ricordo.

Nel suo libro Gli uomini col triangolo rosa, Heinz Heger ci rende testimoni e partecipi di un dramma spaventoso. Racconti di vite spezzate, di esistenze brutalmente imprigionate, di uomini che si spensero nell'orrore senza fine del campo di concentramento di Sachsenhausen, dove venivano spesso condotti gli omosessuali. Da quelle sue pagine, dalle tante storie dolorose, emerge sopra ogni altra cosa, la figura eroica e dignitosa di un prete omosessuale che venne picchiato a sangue, deriso ed insultato dalle guardie.

Un martirio che questo uomo di Chiesa non più giovane portò con estrema dignità, rifiutandosi nonostante i pugni ed i calci di ripetere come richiesto gli insulti che gli vomitavano addosso i tedeschi . Un rifiuto che incattivì ancora di più i carcerieri che colpendolo selvaggiamente lo ridussero in pochi istanti in fin di vita. Solo un inatteso raggio di sole che sgusciò misteriosamente fuori da un cielo grigio e nuvoloso, illuminando all'improvviso il volto esangue del prete, fermò la mano di uno degli aguzzini.

triangolo-rosa

Qualcuno tra i presenti interpretò quel fascio di luce così inaspettato come una manifestazione divina. Una presenza soprannaturale; tuttavia i' uomo vecchio e ferito mortalmente si spense poco dopo, lasciando nel cuore dei sopravvissuti, tra cui Heinz Heger, il ricordo di un martirio vissuto con estrema, impareggiabile dignità.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 66 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO