Uno sguardo alle principali notizie queer della settimana

Con la conclusione dei Giochi olimpici di Sochi, ci auguriamo che non venga meno l'interesse internazionale sulla situazione dei diritti umani in Russia.

Si concludono oggi i Giochi olimpici invernali di Sochi e con essi, probabilmente, si spegneranno anche i riflettori sulle leggi omofobe che vigono in Russia. A questa situazione dicono no molte persone in tutto il mondo: se è stato un bene che nel corso di queste Olimpiadi invernali si sia fatta luce anche sul rispetto dei diritti umani, non è certo un bene se tutto finirà quando termineranno i Giochi. Varie iniziative stanno nascendo in tutto il mondo per far sì che l’opinione pubblica sia sempre al corrente di quanto accade in Russia: un esempio per tutti è il documentario di Michael Lucas che vuol far parlare le vittime dell’omofobia in prima persona.

Sochi questa settimana ha visto anche l’arresto (e poi il rilascio) di Vladimir Luxuria, rea di aver affermato che l’amore gay è ok. Le polemiche in merito a questo arresto non sono state poche, anche se duole notare come in Italia l’omotransfobia l’abbia fatta ancora una volta da padrona (si veda, per esempio, il commento di Matteo Salvini).

A proposito di omofobia non possiamo non citare Bernie Ecclestone che ha lodato la politica omofoba di Putin, arrivando ad affermare che il presidente russo è coraggioso perché dice quello che pensa. Sempre per quel che riguarda l’omofobia, ricordiamo che in settimana Iva Zanicchi se n’è uscita in televisione con delle espressioni veramente pesanti nei confronti delle persone omosessuali: e pensare che qualche anno fa l’Arcigay la premiò addirittura con il Pegaso d’Oro in riconoscimento della sua vicinanza al mondo LGBT (è il video in apertura di post).

Uno sguardo alle principali notizie queer della settimana

Dall’Iran, invece, giunge una buona notizia: in un paese come quello, in cui le persone omosessuali vengono giustiziate, la cantante Googoosh ha avuto il coraggio di realizzare un videoclip in cui canta l’amore tra due donne. Le polemiche non sono mancate, ma intanto un velo è stato squarciato.

Sempre a proposito di video, ricordiamo quello di Nicole Bonamino, la prima sportiva italiana in attività a fare coming out, che aderisce alla campagna Le cose cambiano e racconta la propria esperienza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail