Michael Lucas, magnate di film per adulti, contro l’omofobia di Putin

Michael Lucas promuove il suo documentario che testimonia la realtà dei diritti umani in Russia.

Vorrei richiamare l’attenzione su quello che sta succedendo in Russia e desidererei che i riflettori vi siano puntati sopra anche dopo i Giochi olimpici invernali.

Ad affermarlo è Michael Lucas, nato a Mosca (il suo vero nome è Andrej L'vovi? Trejvas), CEO e fondatore della più grande azienda cinematografica per adulti gay di New York, Lucas Entertainment appunto. Parlando con la stampa, Lucas commenta:

C’è stata molta attenzione all’omofobia in Russia nel corso dei Giochi olimpici e credo che tale attenzione debba continuare. Il mondo è stato testimone di alcuni aspetti, ma non abbiamo il quadro completo di come sta effettivamente soffrendo la comunità LGBT in Russia.

Michael Lucas, magnate di film per adulti, contro l’omofobia di PutinCon la speranza di riempire questo vuoto, Michael Lucas l’anno scorso è tornato a Mosca (era scappato dalla Russia quando aveva venti anni) per realizzare un documentario dal titolo Campaign of Hate: Russia and Gay Propaganda sulla situazione dei diritti degli omosessuali. Ora annuncia una campagna per diffondere il docufilm e perché si conoscano le condizioni reali dei diritti umani, grazie alla testimonianza diretta di varie persone del collettivo LGBT.

Michael Lucas, oltre a essere regista di film per adulti, è stato premiato anche per il suo documentario sulla comunità LGBT israeliana e confessa che il suo “sogno” da molti anni è proprio quello di realizzare un video sui diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali in Russia.

Fin dagli anni della mia adolescenza gay nell’antica Unione Sovietica, il mio sogno è stato quello di mostrare al mondo quello che significa appartenere alla comunità LGBT nella mia vecchia patria.

Via | Ocio Gay

  • shares
  • Mail