Manuel Azana, presidente della Repubblica spagnola e leader gay ante-litteram

La figura unica e probabilmente irripetibile di Manuel Azana, presidente della Repubblica Spagnola, che fu poi costretto all'esilio in Francia, ci affascina ancora oggi per intelligenza, lungimiranza politica ed onestà intellettuale.

Da più parti il presidente spagnolo Manuel Azana (1880 1840) viene considerato come uno dei primi leader gay della vita politica europea, anche se la sua vita personale, al di là del suo matrimonio con la sorella del suo più caro amico, rimane ancora oggi avvolta nel più fitto ed imperscrutabile mistero.

Discreto e timido, riservato e di poche parole, Azana non lasciava trapelare mai nulla delle sue emozioni private, mentre il suo coraggio durante la Guerra civile spagnola, la sua sete di libertà e d'uguaglianza per tutti, uniti alla sua manifesta ostilità nei confronti delle ingerenze della Chiesa nella vita politica, lo hanno reso ieri come oggi una figura quasi leggendaria.

Capo del governo per ben due volte nella prima metà degli anni trenta, presidente della Repubblica Spagnola dal 1936 al 1939 e scrittore di diversi romanzi e saggi (la sua cultura era vastissima), Manuel Azana rimane esempio raro e squisito di un politico dai grandi ideali e dal cuore pulito. Caratteristiche pressoché introvabili nella scena politica odierna.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO