Hans Van Marées e la donna in mezzo a due uomini

Un triangolo amoroso di fine Ottocento di cui esiste una affascinatissima prova visiva: La donna in mezzo a due uomini.

Figlio di un ricco banchiere tedesco, Hans von Marées (1837-1887) studiò all' Accademia di Berlino, dedicandosi inizialmente al ritratto per poi passare a soggetti mitologici di grande impatto visivo. Dopo aver visitato diversi paesi come Francia e Spagna, l'Italia divenne la sua terra d' adozione e fu proprio qui da noi che l'artista incontrò il grande amore della sua vita: Adolf Hildebrand, un giovane scultore che aveva scelto proprio la nostra penisola per perfezionare la sua arte.

Il loro amore diede anche vita ad un'opera importante come la Stazione zoologica di Napoli dove l' elemento omoerotico (con i suoi aitanti pescatori e barcaioli dal muscolo guizzante) è forte e determinante. Tuttavia la felicità del pittore venne falciata via dall'arrivo in Italia di Irene Schäuffelen, una ricca ereditiera di cui Adolf Hildebrand si innamorò perdutamente. Così perdutamente da sposarla subito dopo. La rottura tra i due venne immortalata in un celebre ritratto della Schäuffelen che Von Marees intitolò pregnantemente "La donna in mezzo a due uomini".

Hans Von Marées

Un legame il loro che tuttavia riuscì superare anche questo drammatico strappo, visto che anni dopo la morte di Von Marees, Adolf Hildebrand disegnò e costruì a Monaco di Baviera un museo dedicato proprio al suo ex compagno.

Via | GLBTQ

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 13 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO