Sochi 2014: le Tatù ospiti o scherzo del web?

Il duo (finto) "scandalo" si esibirà davvero alla cerimonia? Molti dubbi...

Chi non ricorda la canzone "All the things she said" delle Tatu? Erano i primi anni del Duemila e la canzone ebbe un successo travolgente in tutto il mondo, arrivando anche in prima posizione nella loro patria. Proprio la russa omofoba al centro delle critiche e delle polemiche in questi mesi.

Loro sono Lena Katina e Yulia Volkova. Si sono sciolte e dal 2009 non pubblicano un album. Ma, secondo quanto si legge sul web, potrebbero essere tra gli ospiti ad esibirsi in occasione delle Olimpiadi Invernali di Sochi del febbraio 2014. Un rumour che suona di bufala totale, calcolando proprio lo scandalo saffico (inscenato) che nacque ai tempi.

Una canzone del genere, allora era possibile. Oggi, le due rischierebbero l'arresto proprio per Propaganda gay. Appare quindi decisamente assurdo- se non proprio impossibile- che le due si esibiscano in occasione delle Olimpiadi a Sochi

Recentemente Katina ha fermamente criticato la decisione di attuare la legge omofoba nel Paese che prevede multe e addirittura l'arresto. Questa scelta ha portato indietro la Russia di almeno vent'anni. E, proprio Lena ha sottolineato come tra le figure politiche russe così favorevoli a questa punizione per la propaganda omosessuale, si celino molti uomini segretamente gay.

Via | GayStarNews

  • shares
  • Mail