Brasile, due fratelli sono "il serial killer dei gay"?

Svolta nelle indagine nel Paese

Due fratelli sono stati arrestati per un delitto, confessato dai ragazzi fermati, ma a quanto pare potrebbero essere coinvolto in molti altri casi di omicidio. E l'ambiente nel quale agivano sembra essere esclusivamente quello omosessuale.

Una vera e propria furia omofoba alla base dell'azione dei due uomini. La polizia è riuscita a risalire a loro solamente dopo l'assassinio di un uomo, Steve Horst, un uomo di 36 anni originario di Costa Barros. Lui era stato ucciso a novembre dello scorso anno e solo una ventina di giorni prima fatto conoscenza con il maggiore dei due fratelli che la stessa polizia ha definito come "un maniaco"

A supportare la tesi del coinvolgimento dei due sono stati gli oggetti personali di Steve, ritrovati nella loro abitazione. I due fratello hanno ammesso il loro coinvolgimento nella vicenda. Ulteriori analisi e indagini hanno poi permesso di sospettare di loro anche per i casi di tre omicidi di omosessuali, un 31enne, un 41enne e un 46enne. Entrambi avrebbero agito insieme nell'uccisione di questi 4 uomini mentre, altri sei ragazzi gay uccisi sarebbero stati massacrati per opera del fratello maggiore.

Via | Agi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail