Hugh Laing, una vita a passo di danza

Il suo fortunato incontro con il grande coreografo Antony Tudor a Londra nel 1933 si rivelò galeotto sotto più aspetti.

Appena ventenne Hugh Laing (1911-1988) lasciò le natie Barbados (allora parte integrante delle West Indies britanniche) per studiare arte a Londra, ma una volta arrivato in Inghilterra fu il mondo del balletto ad irretirlo nella sua rete. Una decisione galeotta che lo portò direttamente tra le braccia di Antony Tudor, uno dei più grandi coreografi del secolo scorso.

Un sodalizio lungo, appassionato che univa sentimento e professione e che si interruppe solo per qualche tempo quando Tudor sposò l'americana Diana Adams (il matrimonio tra i due tuttavia sfociò qualche anno dopo in un divorzio)

Le coreografie di Antony Tudor meticolosamente costruite attorno alla figura dell'amante, permisero a Laing di emergere, imponendosi come un danzatore dalla grande presenza scenica, in grado di far dimenticare al pubblico ed ai critici le piccole deficienze tecniche. Un successo che l'attore portò anche sul grande schermo dove accanto a Gene Kelly interpretò il personaggio di Harry Beaton in Brigadoon.

Hugh Laing e Antony Tudorr

Col passare degli anni e l'inevitabile declino fisico, Laing si avvicinò alla fotografia ed al mondo della pubblicità, aprendo uno studio professionale a New York. Un'attività che non gli impedì di continuare a fare apparizioni da guest-star su diversi palcoscenici ed aiutare il compagno nell'allestimento di balletti e coreografie in giro per il mondo.

Il video d'apertura ci mostra il ballerino nel 1939 durante un periodo di vacanza, mentre la foto ritrae Laing insieme ad Antony Tudor, compagno di tutta una vita.

  • shares
  • Mail