Offre cento milioni di euro all'uomo che sposerà la figlia, lesbica

Continua la storia di Cecil Chao che vuole a tutti i costi che la figlia Gigi, lesbica, sposi un uomo.

Cecil Chao, magnate di Hong Kong

Nel 2012 Cecil Chao (in foto), settantasettenne magnate di Hong Kong, offrì circa cinquanta milioni di euro per l’uomo che avrebbe sposato sua figlia Gigi, che è lesbica. Il signor Charo, infatti, non sopportava l’idea di avere una figlia omosessuale e così, facendo leva sui soldi, sperava di trovare qualcuno disposto a sposarla. L’annuncio di Cecil Chao era semplice e chiaro (almeno secondo lui):

Non importa se sia ricco o povero: l’importante è che sia generoso e con un cuore gentile. Gigi è molto buona, con talenti e bellezza. Ama i suoi genitori, è generosa e fa volontariato.

Allora Gigi, la figlia, disse di avere un rapporto molto stretto con suo padre e l’annuncio in sé non le aveva creato fastidio, anche se ammetteva che ne aveva creati alla sua compagna, Sean, con la quale è unita civilmente.

Da allora sono passati due anni e ventimila corteggiatori, ma nessuno è riuscito a portare all’altare Gigi Chao. E il signor padre che fa? Si “rassegna” all’idea di avere una figlia lesbica? Macché! Rilancia l’offerta e aumenta la “taglia” a ben cento milioni di euro. Oltre all’omosessualità della figlia, Cecil Chao non riesce a convivere con l’idea che non avrà un nipote che erediterà il suo impero. Questa volta, però, Gigi è stata molto meno comprensiva e alla stampa ha dichiarato.

Sono scioccata. Mio padre può offrire quello che vuole ma non credo che riuscirà a farmi mai interessare agli uomini.

Fino a quale cifra può arrivare l'irrazionalità?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: