L’ex presidente del Mozambico lavora per i diritti gay in Africa

Joaquim Chissano, già presidente del Mozambico, sta lavorando per far sì che cessi l’omofobia nel continente africano.

Joaquim Chissano. L’ex presidente del Mozambico lavora per i diritti gay in Africa

Joaquim Chissano, secondo presidente del Mozambico dal 1986 al 2005, sta portando avanti una campagna in cui esorta i leader africani a porre fine alle persecuzioni e alle discriminazioni nei confronti della comunità LGBT. Chissano, infatti, ha scritto una lettera ai responsabili delle varie nazioni africane e, come copresidente del Gruppo di Lavoro di Alto Livello per la Conferenza Internazionale sulla Popolazione e lo Sviluppo, afferma:

La salute, i diritti sessuali e quelli riproduttivi sono un requisito previo per la responsabilizzazione delle donne e dei giovani, dai quali dipende il nostro futuro. Questo significa semplicemente dare la libertà a tutti di prendere decisioni avendo a disposizione informazioni sugli aspetti basilari della vita come la propria sessualità, la salute, se, quando e con chi avere relazioni o sposarsi o avere figli, senza alcun tipo di discriminazione, coercizione o violenza.

Continua poi Joaquim Chissano:

Tutto questo implica un facile accesso alle informazioni e a servizi di qualità, come anche a una educazione sessuale a tutto tondo. Non possiamo più permettersi di discriminare le persone in base all’età, al sesso, all’etnia, allo status di migranti, per via del loro orientamento sessuale o identità di genere, o qualunque altra ragione, dal momento che abbiamo bisogno di liberare tutto il potenziale di ogni singola persona.

Joaquim Chissano è ben conscio delle difficoltà cui potrebbe andare incontro la sua proposta, e lo dice chiaramente, ma questo non vuol dire che non si debba lottare per l’uguaglianza:

Come africano di una certa età [a ottobre compirà 75 anni, ndr] comprendo pienamente le resistenze a queste idee. Ma posso anche compiere un passo indietro e vedere che il cammino più grande della storia umana, specialmente nell’ultimo secolo, è un percorso di espansione dei diritti umani e delle libertà di tutti.

La lettera è stata scritta a partire dalle leggi recentemente approvate in Nigeria e in Uganda. In Nigeria, inoltre, la legge è stata promulgata dal presidente, mentre in Uganda no.

Via | Sentido G

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail