Storia di una monaca: da Marie Louise Habets ad Audrey Hepburn

Audrey Hepburn e Kathryn Hulme

L'angelico volto di Audrey Hepburn racchiuso dal velo bianco, l'innegabile sexy appeal di Peter Finch nel ruolo del conturbante dottor Fortunati e l'incanto drammatico di un intero continente: l'Africa, sono probabilmente le prime immagini che ci vengono in mente se pensiamo al celebre film Storia di una monaca del 1959. In realtà la pellicola di Fred Zinnemann era stata ispirata dall'omonimo romanzo di Kathryn Hulme, un best seller uscito in America nel '56, in cui la famosa scrittrice aveva parzialmente trasposto le vicende della propria compagna di vita Marie Louise Habets, una suora belga che dopo una profondissima crisi personale e spirituale, aveva abbandonato gli ordini. Il film di Zinnemann naturalmente per uscire sul grande schermo dovette subire correzioni, innesti ed aggiustamenti vari come la tensione erotica -sempre palpabilissima- tra i due protagonisti, del tutto assente invece nel romanzo della Hulme.

Nella foto: la locandina del film ed Audrey Hepburn in compagnia di Kathryn Hulme (tra le due nacque un'amicizia che durò nel tempo)

Via | Yaleresearch

  • shares
  • Mail