In Bangladesh la prima rivista per la comunità gay

La prima rivista LGBT del Bangladesh vuole far conoscere la realtà omosessuale nel paese, sperando così di far diminuire le discriminazioni.

Roopbaan. In Bangladesh la prima rivista per la comunità gayLa comunità gay del Bangladesh ha lanciato la sua prima rivista, il cui obiettivo è promuovere la tolleranza verso le persone omosessuali e lesbiche in un paese a maggioranza musulmano e conservatore in cui le persone LGBT sono vittime di moltissime discriminazioni.

La rivista – cinquantasei pagine con una grafica molto curata e accattivane – ha per titolo Roopbaan (che poi è anche il titolo di un racconto bengalese) ed è stata lanciata ufficialmente nel corso del fine settimana a Dacca, capitale del Bangladesh, alla presenza di membri della comunità gay come anche di persone che operano nell’ambito della difesa dei diritti umani. La rivista avrà cadenza trimestrale e, al momento, non è in vendita nelle edicole, ma disponibile solo su richiesta diretta alla redazione. Rashel Ahmed, redattore capo della rivista, così ha dichiarato alla AFP:

È un grande passo in avanti per la comunità lesbica, gay, bisessuale e transessuale del paese.

E poi, il venticinquenne giornalista, si è augurato:

Speriamo che la rivista contribuisca a far conoscere meglio la nostra comunità e, di conseguenza, porti maggior tolleranza verso gay e lesbiche del paese.

In Bangladesh, infatti, il collettivo LGBT è fortemente discriminato e le relazioni sessuali tra persone dello stesso sesso possono essere punite con il carcere a vita. Lesbiche e gay si vedono obbligate a nascondere le proprie relazioni e a vivere, di fatti, una doppia vita. Si tenga presente che il novanta per cento della popolazione del Bangladesh è di confessione musulmana e tutta la società, in genere, è molto conservatrice.

Via | The Daily Star

  • shares
  • Mail