Paolo Lagana accusa: "Discriminato a X Factor rumeno perché gay"

Eliminato perché omosessuale?

Paolo Lagana ha 27 anni, è di origine padovana e, nelle scorse ore, ha denunciato un clima omofobo nella versione romena di X Factor. Il ragazzo ha partecipato alle selezioni del programma ma adesso rivela e sottolinea la pesante situazione discriminatoria di cui è stato vittima. In particolare, l'accusa è nei confronti di uno dei tre giudici, Cheloo, il leader del gruppo hip-hop Parazitii.

Secondo le parole del diretto interessato, il cantante gli avrebbe detto, apertamente:

"Io disprezzo tutto ciò che sei, quello che voi rappresentate e questa nazione ti manderà a casa"

Gay Center ha immediatamente chiesto spiegazioni sull'accaduto, pretendendo una reazione di sostegno nei confronti del giovane:

"Non e’ stato l’unico episodio di aggressione nei suoi confronti durante la trasmissione del talent show. Ci aspettiamo che il nostro ministero degli Esteri chieda formalmente le scuse di quanto accaduto alle autorità della Romania e che il caso di Paolo trovi la solidarietà più ampia anche da parte dei protagonisti italiani del talent show X Factor”

Paolo spiega anche come, fin dall'inizio, ci fosse molta attenzione alla sua persona, alla sua vita privata, da parte dei presenti e di come il pubblico, nei primi casting non mostrati in tv, abbia più volte insultato l'aspirante concorrente, con offese omofobe.

"Il fatto che io indossassi dei pantaloni rosa piuttosto che dei collant colorati li legittimava a punzecchiarmi tutto il tempo. Il punto, però, è che un paio di pantaloni rosa non mi definisce come gay. Non è il modo in cui mi vesto a raccontare al mondo la mia sessualità. Gli abiti che indosso sono un mio modo di essere creativo, niente più. Ma non è facile farlo capire

Paolo poi rivela come il peggio sia accaduto nelle puntate successive:

"Ero cosciente di quel che stava accadendo, di come volessero utilizzarmi, ma ho accettato quel che stava accadendo nella speranza di andare avanti. Ho passato gli step successivi, e mi sono allarmato soltanto quando ho visto la prima puntata in tv. Lì ho capito quali fossero le loro logiche. Tra i concorrenti c'era una ragazza grassa? Bene, non l'hanno risparmiata. E ho anche capito che quando c'era da preparare il live hanno insistito affinché io mi vestissi in maniera sempre più eccentrica. Non ero libero nel modo in cui dovevo apparire: dovevo essere estremo. A quel punto ho avuto una crisi di nervi, ho cominciato a temere per l'uso delle mie immagini. Mi sono sentito ridicolizzato"

Il culmine avviene in una puntata quando lui chiede, esplicitamente, di non cantare un brano di Lady Gaga proprio per non continuare a cavalcare questo clima di sberleffo nei suoi confronti. Per sentirsi maggiormente a suo agio:

"Capirete... un gay che canta Lady Gaga. Per tutta risposta mi affibbiano Alejandro... la canzone più gay di Lady Gaga. Mi rifiuto, e la produzione opta per Paparazzi"

Ed è al termine di quell'esibizione che Cheloo sbotta, prima mimando alcuni gesti sessuali al pubblico presente e poi criticando pubblicamente la performance di Paolo, con termini offensivi. Canta nuovamente un altro brano ma la situazione non migliora e lui viene eliminato. Il giudice continua ad insultarlo ma, questa volta, dietro le quinte, lontano dalla telecamera.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: