Putin: "I gay stiano tranquilli a Sochi ma lascino stare i bambini"

Ennesimo discorso omofobo del Presidente russo

vladimir putin

Le Olimpiadi a Sochi nel 2014 stanno per arrivare ma non accennano a placarsi le polemiche, soprattutto per questioni legate all'omofobia e ai diritti Lgbt.

La legge contro la propaganda gay continua ad essere attiva e in molti si sono interrogati sulla sicurezza per gli omosessuali che sono diretti in Russia e che temono per la loro incolumità.

Come reazione, Barack Obama non ci sarà e manderà l'attivista gay Billie Jean King. In settore francese, hanno rinunciato a partecipare Laurent Fabius e Francois Hollande . Infine, anche dall'Inghilterra si farà sentire l'assenza di David Cameron

Quello che però indigna, ancora una volta, è un commento che Putin avrebbe fatto poche ore fa, a Krasnaya Polyana. In occasione di un'intervista per le prossime Olimpiadi invernali, il Presidente russo avrebbe cercato di rassicurare la comunità Lgbt provocando, però, in verità, molte più polemiche ancora.

La frase incriminata sarebbe proprio questa:

"I gay a Sochi possono sentirsi al sicuro, stare calmi, ma per cortesia devono lasciare in pace i bambini"

Una correlazione che fa semplicemente rabbrividire e che dimostra ancora una volta come l'omofobia e l'arretratezza siano ancora i punti cardine della politica di Putin. Senza se, senza ma.

Via | Adnkronos

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: