Oda Nobunaga, il generale-feudatario che unificò quasi tutto il Giappone

Dal piccolo feudo paterno, Oda Nobunaga partì alla conquista di tutto il Giappone. Al suo fianco, l'amato ed inseparabile Mori Ranmaru.

Oda Nobunaga

Oda Nobunaga (1534-1582) fu uno dei più grandi e potenti generali giapponesi della sua epoca. Figlio di un piccolo feudatario, Nobunaga, dopo la morte del padre, si mosse rapidamente a conquistare tutto il paese. Una dopo l' altra, le province del Giappone caddero sotto i suoi colpi, uno dopo l'altro i grandi clan che governavano di fatto la terra del Sol Levante, dovettero chinare il capo, volenti o nolenti, davanti alla sua inarrestabile ascesa. Ascesa di un giovane e d impulsivo generale che di fatto si trovò a governare quasi tutto il Giappone.

In questa corsa verso il potere, Oda Nobunaga aveva avuto accanto l'amato Mori Ranmaru. Un rapporto d amore che non scandalizzava nessuno e si inseriva nella tradizione dello shudō. Un'unione forte cementata anche da una morte avvolta, almeno in parte, nel mistero.

I due guerrieri-amanti morirono infatti insieme nel tempio Honnō-ji a Kyōto, dove avevano cercato rifugio dopo il colpo di mano di Akechi Mitsuhide, uno dei generali del grande condottiero. Circondati dai traditori che, nel frattempo avevano incendiato il tempio, Nobunaga e Mori Ranmaru, applicando il codice d'onore dei Samurai, fecero molto probabilmente "hara-kiri".

  • shares
  • Mail