Washington DC, la città più gay friendly degli USA

Washington DC è stata eletta da Advocate come la città più friendly per la comunità LGBT statunitense.

Washington DC, la città più gay friendly degli USA

Né San Francisco, né New York. La città più gayfriendly del 2014 negli Stati Uniti d’America è la capitale, Washington D.C. Almeno così sostiene la rivista Advocate che spiega:

Non sono solamente locali, festival musicali LGBT o grandissime discoteche che rendono una città la più gay degli Stati Uniti.

La scelta è basata su vari criteri, come il numero di persone LGBT che svolgono pubblici incarichi, il numero di bar elencati tra i duecento migliori del paese dalla rivista Out, la quantità di famiglie composte da persone LGBT sposate e anche per il numero di spettacoli come quelli di Mariah Carey, Pink, Lady Gaga o Jonas Brothers e il numero di associazioni che lottano per i diritti delle persone LGBT. Alla fine, la somma dei punti viene divisa per il numero dei cittadini e delle cittadine e si ha l’elenco.

Washington LGBT


Washington DC, la città più gay friendly degli USA

È stato proprio il criterio di rappresentanti LGBT che rivestono incarichi ufficiali – ne sono diciassette – che ha collocato Washington DC in cima alla lista. Ma non solo questo. Ci sono fiorenti zone gay friendly come P Street e la 17th Street a Dupont Circle o Logan Circle. La vita notturna della capitale statunitense include il Duplex Diner (celebre per i suoi bartender) o vintage JR\'s Bar.

Il fattore politico ha aiutato Pasadena, in California (la “città-dormitorio gay” secondo Advocate), appena fuori Los Angeles, ha ottenere il secondo posto della lista. Due parlamentari omosessuali in una città di appena 138 mila abitanti è considerato un indice di tutto rispetto. Bar come Boulevard (con karaoke e piscina) e il Club Caution, chiese LGBT nate da poco, il Pasadena Lesbian Book Club e il mensile mercato delle pulci nello stato Rose Bowl completano la scena.

Seattle, Cambridge, Atlanta, Saint Louis, Madison, Salt Lake City, Oakland e Arlington, secondo i criteri di Advocate, si piazzano dinanzi San Francisco, la storica città gay degli Stati Uniti che, alla fine, si colloca all’undicesimo posto della lista. Anche in questa posizione fuori della top ten, per Advocate San Francisco rimane la “Disneyland gay” del paese.

Nella lista delle quindici città più gayfriendly degli USA figurano anche Rochester (NY), Orlando, Long Beach e Pittsburgh.

  • shares
  • Mail